Trasporti Secondari
Definizione
Con la definizione "trasporto primario" si intendono i trasporti dal territorio verso l'ospedale, mentre il trasporto secondario comprende i trasferimenti interospedalieri, che possono essere suddivisi in sei tipologie:
  • competenza specialistica: quando il paziente deve essere trasferito in un altro ospedale perche' necessita di trattamento specialistico non disponibile nell'ospedale dove è degente
  • prosecuzione cure: quando il paziente, terminate le esigenze di cure specialistiche, viene trasferito in un altro ospedale per continuare le cure non specialistiche.
  • accertamenti diagnostici, consulenze, terapie: il paziente viene trasportato ad un altro ospedale e quindi rientra all'ospedale dove è degente, senza che vi sia un trasferimento
  • mancanza posti letto: l'ospedale accettante non è in grado di ricoverare il paziente poiché, pur disponendo delle idonee tecnologie, non ha disponibilità di posti letto.
  • pazienti già in cura in altri ospedali che vengono occasionalmente accolti all'ospedale di Treviso
  • su richiesta dell'utente: l'utente desidera essere trasferito, per motivi personali, in un altro ospedale.
Trasporti per competenza specialistica
Di norma, il trasporto viene richiesto dopo che il medico curante ha contattato l'ospedale di destinazione.
Quando il trasporto è urgente, la Centrale Operativa può fornire al medico curante indicazioni sulla recettività dei reparti ad alta specializzazione.

I servizi urgenti vengono svolti H24 e possono essere richiesti all'interno 2222 (rete ospedale) o 8001-2 (rete 118 - "telefono rosso").
Qualora sia necessaria l'assistenza rianimatoria durante il trasporto, la richiesta deve essere effettuata personalmente dal medico curante.
Nelle ore in cui non è presente il medico del SUEM, l'assistenza rianimatoria viene fornita dal servizio di anestesia e rianimazione cui afferisce il reparto inviante.

I servizi non urgenti vengono svolti con orario 14:30 - 21:00 e devono essere richiesti entro le ore 12:00 del giorno stesso, anche se è opportuno che la richiesta sia formulata il giorno precedente.
La richiesta deve essere effettuata per telefono all'interno 2222, e seguita dalla richiesta scritta firmata dal medico.

Il servizio è sempre gratuito per l'utente ed è a carico dell'ospedale inviante se il paziente è ricoverato, dell'ULSS di residenza se non è ancora ricoverato.

Trasporti per prosecuzione cure
  • Trasporti senza assistenza infermieristica
    vengono svolti con orario 14:30 - 21:00 e devono essere richiesti entro le ore 12:00 del giorno stesso, anche se è opportuno che la richiesta sia formulata il giorno precedente. La richiesta può essere inoltrata:
    • telefonicamente all'interno 2470, facendo seguire il modulo di richiesta scritto firmato dal medico
    • per via telematica, utilizzando l'apposita modulistica e annotando in cartella l'avvenuta richiesta da parte del medico
  • Trasporti con assistenza infermieristica
    Vengono svolti con orario 14:30 - 21:00 e devono essere richiesti entro le ore 12:00 del giorno stesso, anche se è opportuno che la richiesta sia formulata il giorno precedente.
    La richiesta deve essere effettuata per telefono all'interno 2222, e seguita dalla richiesta scritta firmata dal medico.
  • Trasporti con assistenza rianimatoria
    vengono svolti durante l'orario di disponibilità dell'elicottero (8:00 - tramonto) e devono essere richiesti personalmente dal medico curante al medico coordinatore della Centrale Operativa, all'interno 2222.

E' gratuito per l'utente residente nella Regione Veneto; l'onere è a carico dell'ULSS di residenza.
Per gli utenti residenti in altre Regioni è gratuito solo per i residenti in Regioni che riconoscono l'onere a proprio carico (è in via di predisposizione un prospetto).

Trasporto per accertamenti e terapie
Prima di richiedere il trasporto è necessario il nulla osta della Direzione Sanitaria all'esecuzione della terapia.
Di norma il servizio viene svolto con orario 14:30 - 21:00: è pertanto necessario che all'atto della richiesta di appuntamento con l'ospedale di destinazione il medico curante concordi un orario pomeridiano per l'effettuazione della prestazione.
Nei casi in cui la prestazione può essere erogata solo al mattino, è necessario che prima di confermare l'appuntamento il medico verifichi la disponibilità del SUEM ad effettuare il servizio; generalmente sono necessari almeno due giorni di preavviso.

L'onere del servizio è a carico dell'ospedale di degenza.

Trasporto per mancanza posti letto
Il servizio è garantito H24; l'impossibilità di ricoverare il paziente deve essere segnalata alla Direzione Infermieristica, che in assenza di soluzione alternative richiede il trasporto al SUEM.
Pazienti in cura presso altro ospedale
Sono pazienti che per motivi di urgenza vengono accolti nell'Ospedale di Treviso, e che sono in cura, per una specifica patologia, presso un altro ospedale; l'Ospedale di Treviso è comunque in grado di garantire le cure necessarie, ma è opportuno che il paziente venga seguito nell'ospedale abituale.

Questi trasporti NON rivestono carattere d'urgenza e rientrano nella normale programmazione; vengono pertanto svolti dalle 14:30 alle 21:00, compatibilmente con i servizi già richiesti. Non vi è l'indicazione ad utilizzare il personale in pronta disponibilità.

Trasporto su richiesta del paziente
Il servizio è sempre a carico dell'utente; al momento il SUEM non è in grado di garantire il trasporto con propri mezzi; la Centrale Operativa può fornire all'utente alcuni recapiti telefonici di ditte o associazioni esterne cui rivolgersi.