Paracadute di Emergenza su deltaplani e parapendio

PERICOLO PER I SOCCORRITORI!

Deltaplani e parapendio sono dotati di paracadute di emergenza con un sistema di espulsione che può attivarsi accidentalmente durante un soccorso e colpire i soccorritori
Un incidente di questo tipo è stato fatale per un soccorritore.

Quando si presta soccorso in questi casi, è indispensabile che se il paracadute non è stato espulso prima della caduta i soccorritori prestino estrema attenzione a non attivare accidentalmente il dispositivo.
E' quindi necessario che tutti siano a conoscenza del funzionamento e della posizione dei dispositivi

Treviso Emergenza ringrazia il
Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico
Delegazione Bellunese - Stazione Pedemontana del Grappa

per le informazioni fornite.

DELTAPLANI A MOTORE
I deltaplani a motore sono dotati di un sistema a molla fissato alla struttura tubulare.
Il sistema è meccanico e non contiene esplosivi.
Quando il paracadute viene attivato, la molla espelle un piatto che a sua volta spinge il paracadute fuori dal contenitore.
Immagine del paracadute espulso e della molla.
I soccorritori devono prestare attenzione a non operare all'estremità da dove avviene l'espulsione.
DELTAPLANI
I deltaplani sono dotati di un sistema con carica a gas.
Nella foto il particolare della carica, che si trova su un lato del corsetto.
La carica "spara" verso il basso

I soccorritori dovranno operare sempre davanti all'infortunato e porre attenzione a non tirare la maniglia di espulsione

PARAPENDIO
Il parapendio è dotato di un sistema con carica a gas ospitato all'interno del corsetto.
Nella foto il foro da dove viene espulso il paracadute.
Il sistema funziona, come nel deltaplano a motore, mediante un piatto che espelle il paracadute.
Nella foto l'alloggiamento aperto con il piatto in vista.
L'espulsione viene attivata mediante una maniglia e un tirante (indicati dalla freccia) che si trova in posizione anteriore.
Può accadere che durante una caduta il tirante venga azionato solo parzialmente; in questo caso è sufficiente una leggera tensione per provocare lo scoppio della carica.
I soccorritori dovranno anche in questo caso operare solo davanti all'infortunato e porre estrema attenzione a non tirare la maniglia di espulsione.