In attesa dell'ambulanza...
Ricorda le cose da fare e quelle da evitare
Cose da fare
  • controllare la scena prima di intervenire
  • evitare pericoli per il soccorritore
  • evitare ulteriori pericoli per l'infortunato
  • evitare la ressa attorno all'infortunato
  • controllare le condizioni dell'infortunato
  • chiamare l'1.1.8
Cose da NON fare
  • agire senza precauzioni personali
  • agire d'impulso
  • muovere o sollevare subito l'infortunato
  • somministrare bevande, soprattutto alcoliche
  • creare confusione attorno all'infortunato
Prima di tutto
In caso di
incidente stradale:
  • Parcheggiare la propria macchina in parte alla carreggiata
  • Segnalare l'incidente (triangolo ben posizionato, torce elettriche)
  • Non avvicinarsi con sigarette accese
  • Se le auto coinvolte sono in bilico, stabilizzarle
  • Spegnere i motori e staccare le chiavi dal cruscotto
  • Tenere lontani i curiosi
  • Spostare l'infortunato solo se vi è un incendio
  • Se ci sono scintille o se non si riesce a girare la chiave per chiudere il contatto elettrico, staccare o tagliare i morsetti della batteria: attenzione! prima il polo negativo!!

Come soccorrere un infortunato
1. L'infortunato risponde alla chiamata? se risponde, è cosciente
Se l'infortunato è cosciente, le funzioni vitali (respirazione e circolazione) sono conservate ---> andate al punto 8
se non risponde, è incosciente
Se è incosciente ---> andate al punto 2

2. Estendete la testa dell'infortunato
Questa manovra è indispensabile perchè altrimenti la lingua cade all'indietro occludendo le vie aeree e impedendo così la respirazione.
andate al punto 3

3. L'infortunato respira normalmente?
Aprite la bocca dell'infortunato, controllate che non vi siano all'interno corpi estranei e avvicinate l'orecchio per sentire se l'aria esce; contemporaneamente, con lo sguardo controllate se il torace e l'addome si muovono


4. Incosciente, NON respira
Dovete effettuare almeno DUE RESPIRAZIONI ARTIFICIALI BOCCA A BOCCA

andate al punto 5


5. Ci sono segni di circolazione?
Controllate la presenza di segni di circolazione:
  • respirazione normale
  • tosse
  • movimenti del corpo

  • Se CI SONO segni di circolazione, la circolazione è presente
    andate al punto 6
  • Se NON CI SONO segni di circolazione, si tratta di un arresto circolatorio
    andate al punto 7

6. Respirazione assente
Circolazione presente
Dovete continuare la RESPIRAZIONE ARTIFICIALE BOCCA A BOCCA, 12 atti al minuto


7. Respirazione e
circolazione assenti
RESPIRAZIONE ARTIFICIALE BOCCA A BOCCA associata al MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO alternando 2 respirazioni e 15 massaggi

N.B.: se non siete in grado di effettuare la respirazione artificiale effettuate solo il massaggio cardiaco!

La Respirazione artificiale e il Massaggio Cardiaco non devono essere interrotti sino all'arrivo dell'ambulanza.


8. Controllo delle emorragie
Se la respirazione e la circolazione sono entrambe presenti, controllate se ci sono emorragie gravi
Per fermare l'emorragia premete molto forte sopra la ferita con un fazzoletto o un panno

andate al punto 9


9. Sorvegliate l'infortunato
Controllate periodicamente che siano presenti le funzioni vitali

torna all'inizio

Nota bene. Per i professionisti ed il personale delle ambulanze
Il punto 5 di questa sequenza (controllo dei segni di circolazione) NON deve essere utilizzato dai professionisti e dal personale delle ambulanze, che devono verificare la presenza del polso carotideo

Volete sapere qualcosa di più sul primo soccorso?
Contattate la Croce Rossa Italiana o una associazione di Pubblica Assistenza


Pagina a cura di: Paolo Rosi . Giorgio Zanardo . Paolo Ius
disegni di Marina Mori

Aggiornato il 22/7/2001 secondo le Linee Guida Internazionali 2000 per la Rianimazione Cardio-Polmonare

Copyright Treviso Emergenza - Tutti i diritti riservati