Protocollo per il trattamento ospedaliero degli assiderati

Divisione di Cardiochirurgia - II Servizio di Anestesia e Rianimazione
Ospedale di Treviso

Arresto cardio-circolatorio Attività cardiaca spontanea
Protocollo di intervento preospedaliero


Paziente in arresto cardio-circolatorio
sottoposto a rianimazione cardio-polmonare
  1. Continuare il massaggio cardiaco esterno
  2. Collegare gli elettrodi ECG
  3. Connettere al respiratore e ventilare con O2 umidificato e riscaldato a 40 gradi
  4. Posizionare sonda rettale per la temperatura
  5. Stabilire un accesso venoso (periferico > 16 G o centrale)
  6. Prelievo di sangue per: ACT, SMAC, esami della coagulazione
    (event. ricerca di barbiturici, alcool, CO, oppiacei)
TEMPERATURA RETTALE
< 30 gradi
TEMPERATURA RETTALE
> 30 gradi
Eparinizzazione
Cannulazione arteria e vena femorale
Defibrillazione e/o trattamento farmacologico
RISCALDAMENTO IN
CIRCOLAZIONE EXTRA CORPOREA

più rapido possibile

RISCALDAMENTO INTERNO

infusioni calde
lavaggio gastrico e vescicale
dialisi peritoneale

A TC = 30 gradi:

inizio terapia farmacologica
defibrillazione

Ripresa attività cardiaca?
NOSI'
continuare CPR fino a 37 gradicompletare il riscaldamento
A TC = 37 gradi:

Ripresa attività cardiaca?

A TC = 37 gradi:

Ripresa attività cardiaca?

SI'NONOSI'
Svezzamento dalla CECSospendereContinuare le manovre terapeutiche e gli accertamenti diagnostici

Paziente con attività circolatoria spontanea
  1. Connettere al respiratore e ventilare con O2 umidificato e riscaldato a 40 gradi
  2. Collegare gli elettrodi ECG e monitorizzare la press. arteriosa cruenta
  3. Posizionare sonda rettale per la temperatura
  4. Stabilire un accesso venoso (periferico > 16 G o centrale)
  5. Posizionare sondino naso-gastrico e catetere vescicale
TEMPERATURA RETTALE
< 30 gradi
TEMPERATURA RETTALE
> 30 gradi
Necessita di supporto circolatorio? Necessita di supporto circolatorio?
SI'NOSI'NO
Riscaldamento in CECRiscaldamento internoRiscaldamento interno/esterno
Terapia farmacologica
Riscaldamento esterno/interno

protocollo sperimentale realizzato da
Giorgio Zanardo
I vostri commenti
Siamo interessati a raccogliere suggerimenti, dati e esperienze sull'argomento.
Per favore, fateci avere il vostro contributo

1/1/1995